Enjore su Corriere Innovazione

In due anni il sito è cresciuto fino a raggiungere 33 mila iscritti, ma si può navigare anche senza registrarsi. Rugby, basket, ping-pong, pallanuoto e, naturalmente, il calcio alcune tra le discipline. Da qui si possono gestire tornei amatoriali e aziendali.

enjore-mockup_ci

Dal torneo internazionale di rugby per i paesi del Commonwealth in Scozia al campionato aziendale della Hewlett-Packard a Sofia, in Bulgaria. Dal torneo amatori di calcio di Vigevano, a una competizione dilettantistica di basket in Messico. Sono alcuni delle migliaia di campionati presenti su Enjore, piattaforma per gestire gratuitamente tornei sportivi. Un sito che ha sede a Capurso, 15 mila abitanti in provincia di Bari, famosa per essere la località natale di Luca Medici, ovvero Checco Zalone. Dal 2012 il sito è cresciuto fino ad arrivare a 33 mila iscritti in tutto il mondo, dall’Argentina alla Bulgaria. E adesso punta al grande salto.

La crescita inaspettata

nicola-tarantoEnjore nasce nel 2012 su iniziativa di Nicola Taranto, sviluppatore che già a 19 anni ha fondato la sua prima azienda e che oggi di anni ne ha 28. Nel marzo 2013 ottiene un primo investimento seed di 150 mila euro con l’ingresso di Luca Carollo, imprenditore di Vicenza, che si aggiunge agli altri sei componenti del team (Nicola compreso, che ricopre il ruolo di amministratore delegato). Nel frattempo, il sito continua a crescere «a ritmi per noi inaspettati», spiega il fondatore. Il servizio è gratuito e i primi introiti arrivano con la pubblicità online. Nicola ha lasciato le altre attività ormai dal dicembre 2012 per dedicarsi esclusivamente a Enjore. Un lavoro faticoso? Sì, considerato che lo impegna «dalle 8.30 alle 21, con mezz’ora di pausa pranzo», spiega. Dopo il sito è stata sviluppata anche l’app per iOs e Android. Adesso è in trattativa per il salto di qualità, ovvero per un nuovo round di finanziamento. E tutti i soci stanno pensando a che cosa potranno essere in futuro. Un’idea è quella di puntare sui tornei aziendali.

Un visitatore su quattro è straniero

In effetti, i dipendenti di grandi aziende come Hewlett-Packard (è usato per il torneo dei dipendenti a Sofia, Bulgaria), Adecco e Carlsberg utilizzano il sito per le proprie competizioni. Lo scorso giugno, invece, è stata usata come piattaforma ufficiale dalla Rugby League Commonwealth Championship, torneo internazionale che si è disputato in Scozia e a cui hanno partecipato le nazionali di Australia, Giamaica, Scozia, Galles, Sudafrica, Papua Nuova Guinea, Canada e Inghilterra. Enjore ha 33 mila utenti registrati e 120 mila visitatori unici al mese (si può navigare anche senza essere registrati). Il 25 percento del traffico è estero. Le nazioni più attive sono Argentina (dove si è disputato il torneo con più partecipanti, oltre mille), Bulgaria, Colombia e Stati Uniti.

Enjore Team

Dai videogames al fantacalcio

È tutto molto semplice: Enjore è un software per gestire tornei e campionati ed è un social network per condividere informazioni. Il programma è stato realizzato per gestire tornei di 17 categorie sportive, dal calcio al subbuteo, dalla pallanuoto al ping pong ai videogames PES 2014 e FIFA 2014, ma c’è anche chi lo utilizza per campionati di fantacalcio. «C’è chi ha caricato figurine, statistiche e dati relativi ai propri tornei, anche di anni precedenti», spiega Nicola Taranto. Perché la passione per lo sport, a volte, è pari a quella per i numeri e le statistiche.

di Ludovico Fontana su Corriere innovazione

, , ,